Il complesso scolastico di via Timavo fu costruito dalla Provincia di Genova tra il 1966 e 1969.

Fino all’anno scolastico 1995/96 l’intera struttura ha ospitato esclusivamente l’Istituto Tecnico Industriale “Giorgi”.

A partire dal mese di settembre 2001 l’Istituto”E. Montale” si è trasferito nella porzione di edificio su via Timavo. Nella nuova sede sono oggi funzionanti le attività precedentemente ospitate in via Sciaccaluga e in via Casotti.

Per realizzare il trasferimento del “Montale Nuovo I.P.C.” sono stati necessari alcuni lavori di ristrutturazione e l’adeguamento degli spazi alle esigenze dell’istituto.

Tutti gli interventi realizzati hanno mirato ad adattare la struttura esistente in modo da poter ospitare due differenti scuole; a seguito dei lavori la struttura dispone di aule, laboratori e altri spazi destinati a funzioni specifiche in misura adeguata alle necessità.

La storia dell’attuale I.S.C.S. “E. Montale – Nuovo I.P.C.” inizia nel ‘79 come parte distaccata dell’I.T.C. “Tortelli”. Nei suoi primi anni di vita il Montale non aveva ancora un nome, ma era già ben noto come “III Istituto Tecnico” in tutta la zona compresa tra il centro città e Recco con la sede nella parte più nuova e periferica del complesso Ospedaliero di Quarto, trasformato nel più moderno edificio scolastico genovese.

Solo nel 1981/82 la scuola ha preso il nome di “E. Montale”. Da quel momento si avviò una maxisperimentazione che diede alla scuola un ruolo di primo piano tra gli istituti genovesi. La sperimentazione proseguì con il progetto IGEA introdotto dal 1985, il progetto BROCCA dal 1993 e il progetto programmatori MERCURIO dal 1994.

Il “Montale” fin dall’inizio si è connotato per la vivacità delle iniziative e dagli anni ’80 ha sentito l’importanza e la necessità di creare collegamenti con il mondo del lavoro, basti pensare al grande progetto che si chiama “Alternanza scuola lavoro” che dal 1994 collega il mondo della scuola alle istituzioni politiche e al mondo del lavoro della provincia di Genova.

Il Montale ha coltivato l’entusiasmo per diverse attività extrascolastiche per sviluppare interessi culturali e senso estetico. La lista delle partecipazioni a concorsi e soprattutto l’elenco dei premi vinti hanno portato spesso l’istituto agli onori della cronaca cittadina e nazionale.

La sigla “Nuovo I.P.C.” è nata qualche anno fa con la fusione degli istituti professionali “G. B. Baliano” e “U. Vivaldi” con il nostro istituto.

In tutti questi anni col trascorrere del tempo la vocazione e le metodologie dell’istituto sono notevolmente cambiate per adeguarsi alle mutate esigenze del mondo del lavoro: il nostro istituto si è adattato con l’arrivo di insegnanti madre-linguisti e con viaggi culturali nelle principali capitali europee.